TUTTI AD AMSTERDAM NEL 2017 PER LA PIÙ GRANDE FIERA DELLE TECNOLOGIE PER PREVISIONI IDROMETEOROLOGICHE AL MONDO!
Meteorological Technology World Expo 2017
Languages
English flag Spanish flag German flag French flag Korean flag Chinese flag Japanese flag Russian flag Italian flag
 
10-12 Ottobre 2017, Amsterdam, Paesi Bassi
 
Rivista
Meteorological Technology International
Meteorological Technology International Cliccate qui per l’abbonamento gratuito alla rivista + il media pack
 
Media Partner

Alberghi
Rai services

Agenzia ufficiale per le prenotazioni alberghiere

 
SOCIAL MEDIA
LinkedIn
Chi siamo

La Meteorological Technology World Expo è organizzata da UKi Media & Events, la compagnia di fiere commerciali internazionali leader a livello mondiale che pubblica anche riviste nei settori automobilistico, aeronautico e dei trasporti. UKIP Media & Events è l’organizzatrice di 15 fiere leader nel settore a livello mondiale, in Asia, Nord America, Medio Oriente e Europa, e attrae 3.000 aziende espositrici e 50.000 visitatori ogni anno. Cliccate qui per saperne di più.

 

2017 Programma di conferenza


Prima giornata

martedì 10 ottobre

10:30 - 13:30 - Misurazione e tecnologia

Moderator
Alan DeCiantis, director of product, FTS, USA

10:30 - IDS-20 – Sistema di nuova generazione per il rilevamento del ghiaccio
Wolfram Sommer, Amministratore delegato, Sommer Messtechnik GmbH, AUSTRIA
L’accumulo di ghiaccio su macchine ed edifici esposti agli elementi può mettere a repentaglio la sicurezza delle persone e dei macchinari, o compromettere il corretto funzionamento di dispositivi o sistemi. Ciò impone di provvedere alla rimozione manuale del ghiaccio, o di ricorrere a sistemi di riscaldamento per prevenirne la formazione, con conseguente aumento degli interventi di manutenzione e quindi dei costi e della manodopera. Sommer Messtechnik ha messo a punto un nuovo sensore per il rilevamento del ghiaccio, denominato IDS-20. Questo innovativo sensore rileva in maniera completamente automatica e affidabile il rischio di formazione di ghiaccio. Il sistema misura le complesse impedenze del mezzo intorno al sensore, sfruttando il principio che aria, acqua e ghiaccio hanno costanti dielettriche differenti a frequenze differenti. I campi di applicazione sono: centrali eoliche, aviazione civile, controllo del traffico stradale, linee ad alta tensione, opere civili.

11:00 - Un’applicazione pratica dell’Internet delle cose nel campo dell’idrologia
Zoë Fyfe, responsabile prodotto, FTS Inc, CANADA
Tre diversi sistemi: uno per monitorare la torbidità delle acque, un altro per osservare l’erosione delle rive con un sistema di telecamere, il terzo per raccogliere dati meteorologici, tutti nella stessa posizione geografica. Ogni sistema raccoglie dati importanti, che, dopo essere stati amalgamati tra loro, acquisiscono un valore aggiunto notevolmente più elevato. Sfruttare queste informazioni è ora più rapido e più facile, grazie all’ecosistema dell’Internet delle cose. L’Internet delle cose non significa solo avere tutti i dati in un unico database nel cloud. La nostra relazione verterà sul modo in cui questi tre sistemi sfruttano le nuove tecnologie per ridurre i costi di manodopera, migliorando i tempi di risposta e incrementando il valore aggiunto dei dati.

11:30 - Applicazioni di sistemi UAS (Unmanned Aerial Systems): monitoraggio analitico versatile
Anne Baumgaertel, Amministratore delegato, Exabotix GmbH, GERMANIA
Le ispezioni visive figurano tra le applicazioni più consuete dei droni in ambito industriale. Le piattaforme e i sistemi di controllo per gli aeromobili a pilotaggio remoto, i cosiddetti droni (UAS, Unmanned Aerial Systems), in combinazione con varie tecniche di imaging, come le videocamere ad alta definizione, le videocamere NIR, le termocamere o telecamere multispettrali, sono la soluzione ideale per scopi di monitoraggio visivo. Quando le applicazioni di misurazione sono complesse, il monitoraggio analitico è la soluzione più indicata. La versatilità dei sistemi a pilotaggio remoto li rende particolarmente indicati per l’analisi dei gas di nubi tossiche e per i sistemi meteorologici combinati con monitoraggio visivo. Le aziende tedesche BBL Elektronik & Aeromet, in collaborazione con la società Exabotix che produce droni per usi industriali, stanno puntando sul mercato dei droni, la cui versatilità li rende ideali per applicazioni di monitoraggio analitico.

12:00 - VOLCLAB: un pacchetto versatile di strumenti scientifici per palloni aerostatici e UAV
Prof Giles Harrison, professore di fisica atmosferica, Dipartimento di Meteorologia, University of Reading, REGNO UNITO
VOLCLAB è un pacchetto di strumenti monouso per misurazioni delle polveri vulcaniche, utilizzabile per esempio in interventi di emergenza su palloni aerostatici o piattaforme UAV per raccolta di dati meteo. Il carico di dati è personalizzabile grazie a moduli di sensori sovrapponibili. Le opzioni a disposizione comprendono un sensore gravimetrico di recente sviluppo che utilizza il principio del microbilanciamento oscillante per misurare direttamente la massa, un rilevatore di gas SO2, un sensore ottico a LED per rilevare la retrodiffusione attraverso ceneri e nubi, un sensore di carico per caratterizzare le proprietà elettriche dei pennacchi, e un accelerometro per misurare la turbolenza all’interno dei pennacchi. Per le radiosonde, VOLCLAB utilizza la consolidata interfaccia PANDORA per garantire lo scambio di dati e l’alimentazione, programmabile per supportare una gamma di radiosonde host o altre piattaforme di dati.

12:30 - VisCam – camera-based visibility measurement experience from an ANSP
Jochen Steiner, researcher, Joanneum Research Forschungsgesellschaft mbH, AUSTRIA
The visibility measurement system VisCam is currently under evaluation at ANSP Austro Control on its ability to support automated assessment of the weather situation by standard cameras. By means of image processing, VisCam is able to automatically derive visibility measures of the whole camera-covered area. It automatically detects suitable landmarks to estimate the general visibility and, with the help of distance maps, derives visibility measures that can be reported in customised and standard formats (e.g. METAR). The talk will present the basic capabilities of VisCam, the application scenarios at Austro Control as well as the achieved results.

13:00 - Exclusive outlook on Lufft technologies for meteorological and airport applications
Holger Wille, product and business unit manager - optical sensors, Lufft, GERMANY
Lufft will introduce its innovative visibility sensor VS100k. With its visual range of over 50km and capability to distinguish between flying insects and droplets/aerosols, it is suitable for meteorological and airport applications. Combined with a precipitation and present weather sensor, such as WS100 or OTT Hydromet Parsivel, it becomes a present weather system. Connected to ambient light sensors, it is a candidate for runway visual range systems. Additionally, Lufft will present the field test result of its most precise weather sensor and latest ceilometer model serving as components in AWOS (Automated Weather Observation System), meteorological and environmental monitoring systems.

13:30 - 15:30 - Osservazione della Terra

13:30 - Mega-costellazioni di satelliti: una mossa strategica per i servizi meteorologici e climatici
Yvette Ramos, esperto del settore, Ynovaimo, SVIZZERA
I satelliti sono utilizzati per portare un ampio carico di dati, a supporto di un numero elevato di servizi, tra cui trasmissioni radiotelevisive, telecomunicazioni, servizi a banda larga, applicazioni di osservazione della terra, navigazione, scientifiche e di ricerca. Una costellazione di satelliti è composta da più satelliti connessi tra loro, che forniscono uno specifico servizio in orbita bassa, con bassa latenza e copertura globale. Solitamente si tratta di satelliti costruiti in serie, a costi ridotti. La presentazione fornisce informazioni su altre possibilità di utilizzo dei servizi di connettività resi possibili dalle costellazioni di satelliti. In particolare, si parlerà di fornitura di servizi innovativi nel campo della gestione del rischio connesso a fattori climatici, meteorologici e calamità naturali.

14:00 - Atmosfear: l’economia è sempre più vulnerabile ai cambiamenti climatici?
Dr Vladimir Jankovic, professore emerito, University of Manchester, REGNO UNITO
Quali indizi suggeriscono che l’economia è sempre più vulnerabile ai cambiamenti climatici? Tali informazioni come vengono trasmesse alle aziende, al settore della meteorologia e in generale al grande pubblico? Che risposte è in grado di fornire il settore della meteorologia? È stata concepita una strategia in grado di allineare la domanda di informazioni meteorologiche con la produzione tecnologica di informazioni meteorologiche?

14:30 - Utilizzo di muoni di raggi cosmici per scopi meteorologici sopra i cieli della Giamaica
Lawrence Brown, meteorologo, Servizio Meteorologico, Giamaica, GIAMAICA
I raggi cosmici sono particelle subatomiche che percorrono enormi distanze dall’esterno dell’atmosfera terrestre. Tali raggi giocano un ruolo importante nella modulazione delle condizioni meteo e del clima, a causa dell’impatto che esercitano sugli aerosol microscopici. I muoni si formano a seguito del decadimento di pioni e kaoni e attraversano l’atmosfera fino a raggiungere la superficie terrestre. Il flusso di muoni è modulato dalle condizioni atmosferiche, varia a seconda dell’altitudine e della latitudine, ed è soggetto a variazioni diurne. Per le loro caratteristiche, i muoni vengono utilizzati come sensori meteorologici-atmosferici naturali, al fine di monitorare i sistemi meteo su qualsiasi area.

15:00 - Monitoraggio e controllo della falda freatica in aree desertiche, sfruttando le comunicazioni via satellite e le tecnologie per l’osservazione della Terra
Simon van den Dries, amministratore delegato, Rencos BV, PAESI BASSI
La falda freatica nelle aree desertiche di paesi come gli Emirati Arabi e l’Arabia Saudita si sta riducendo sempre più rapidamente. In alcuni paesi si teme addirittura una sua totale scomparsa, se non verranno subito intraprese contromisure idonee. La presentazione verte sul servizio di monitoraggio e osservazione inaugurato nel secondo semestre 2017 con uno studio di fattibilità dell’Agenzia Spaziale Europea. Il fornitore del servizio denominato BlueDesert è Rencos. Questo servizio consente ad autorità di bacino, agenzie ambientali e aziende di servizi pubblici di misurare, gestire e controllare la loro falda freatica. BlueDesert consiste in sensori e PLC collegati via satellite, che misurano il livello e comandano pompe, valvole, ecc.

15:30 - If possible, we would like to speak about the EUMETSAT Data Collection System (DCS)
Nicholas Coyne, additional data service manager, EUMETSAT
The Meteosat satellites located at 0° longitude, and over the Indian Ocean at 41.5° East, acquire Data Collection Platform (DCP) data, in the form of observations and environmental parameters, from operators of DCPs, which are located within the footprint of the satellites. This presentation will focus on the types of platforms supported by the Meteosat satellites, including both Standard and High Data Rate transmitters. It will describe who can use the system and also how to receive the data. The presentation will also give information about the future plans for the system.

*Questo programma è soggetto a modifiche.


Prima giornata

martedì 10 ottobre

11:00 - 12:30 - Agricoltura/Ambiente

11:00 - Misurare la perdita invisibile di acqua
Hans van Rheenen, responsabile innovazione, Eijkelkamp Soil & Water, PAESI BASSI
A differenza della pioggia e della neve, vi sono fenomeni non visibili a occhio nudo, come l’evapotraspirazione, che costituiscono la causa numero uno della perdita di acqua in quasi tutte le terre del pianeta. Mancano dati affidabili su questa perdita invisibile di acqua, in primo luogo perché l’evaporazione è difficile da misurare. Un nuovo lisimetro è in grado di fornire tali misurazioni. Il sistema, basato su pesatura a cella di carico, fornisce misurazioni delle variazioni nel contenuto di acqua, ed è in grado di simulare le condizioni dell’acqua nel suolo circostante grazie a dei sensori e all’utilizzo di una colonnina di terreno isolata, a garanzia dell’attendibilità delle misurazioni. Tale sistema consente di ottenere dati accurati sul contenuto di acqua nel terreno e sui flussi idrici, inclusa l’evapotraspirazione e il ravvenamento della falda freatica.

11:30 - Rete per il monitoraggio del CO2 e per la valutazione delle miscele di sostanze inquinanti in atmosfera durante i fenomeni di inversione termica
Dr Bruce Bugbee, presidente, Apogee Instruments, USA
Durante le notti con condizioni atmosferiche stabili, le valli di montagna sono soggette al fenomeno del ristagno di aria fredda nei fondovalle. Quando tale ristagno di aria fredda persiste per numerosi giorni, le emissioni antropogeniche vengono intrappolate in loco e si accumulano. Accurati analizzatori di CO2 a infrarossi, a bassa potenza, eseguono il monitoraggio del CO2 in stazioni meteo automatiche, e collocati in rete consentono misurazioni a quote diverse. Le misurazioni precise della temperatura dell’aria e del vento, fornite da schermi aspirati e anemometri sonici 2D, vengono abbinate a un modello per le emissioni di CO2, con l’obiettivo di valutare la miscela di sostanze inquinanti in atmosfera e la profondità dell’inversione termica. L’obiettivo a lungo termine è quello di stimare la percentuale complessiva di emissioni di inquinanti cui è esposta la popolazione della valle.

12:00 - Monitoraggio in tempo reale delle precipitazioni con rete di radar in banda X
Dr Emmanuel Buisson, presidente, Misurazioni meteorologiche, FRANCIA
Nel 2015 e 2016 Weather Measures ha installato in Francia due reti di radar in banda X per applicazioni nel campo dell’agricoltura di precisione e della prevenzione di piene improvvise. La presentazione verterà sull’approccio globale adottato nella costruzione di queste reti di radar in banda X: la scelta dei siti e il tipo di radar, la procedura di installazione, le prime misurazioni e la procedura complessa di calibrazione tramite confronto con pluviometri locali. Oggi, le due reti di radar in banda X sono operative a tutti gli effetti. Nel corso della presentazione esamineremo alcune applicazioni in campo agricolo e come strumento di segnalazione di piene improvvise.

12:30 - 14:00 - Aviazione

12:30 - Introduzione alla tecnologia con radiosonda a termoresistenza doppia (DTR) per la correzione solare in loco
Dr Yong-Gyoo Kim, scienziato ricercatore principale, KRISS, COREA
La presentazione verte sul lancio di una nuova tecnologia basata su radiosonda a termoresistenza doppia (DTR) e a differente potenza di emissione, finalizzata alla correzione solare in loco, in grado di garantire la tracciabilità secondo le unità di misura del Sistema Internazionale (SI). Il nuovo sistema si basa sul fatto che le temperature delle termoresistenze della radiosonda dipendono dal grado di irraggiamento solare su ciascun sensore; pertanto, conoscendo la relazione tra irraggiamento solare e temperatura dei termistori possiamo ottenere la temperatura corretta dell’aria direttamente durante il volo. Il relatore presenterà i principi su cui si basa la tecnologia della radiosonda a termoresistenza doppia e spiegherà come eseguirne la calibrazione. Mostrerà inoltre i risultati sperimentali raccolti, tra cui i risultati di sondaggi reali effettuati.

13:00 - Sistema WTPS (Wind and Thermodynamic Profiling) SkyCast per il monitoraggio di condizioni meteorologiche pericolose
Bill Conway, Amministratore delegato, WDSS International, USA
Il sistema WTPS (Wind and Thermodynamic Profiling System) SkyCast è composto da strumentazioni, algoritmi per il rilevamento di condizioni meteo pericolose e sistemi di visualizzazione, in grado di offrire ai meteorologi importanti strumenti di osservazione e di previsione in tempo reale che migliorano le loro capacità di stabilire la presenza di condizioni meteo pericolose. Il sistema WTPS è installabile in località che necessitano di costanti aggiornamenti sulle condizioni atmosferiche locali. Il sistema WTPS è utilizzato per monitorare: temperatura, contenuto di umidità e di acqua allo stato liquido; indici convettivi e di stabilità atmosferica; presenza di wind shear; formazione/forza/dissipazione di correnti a getto (jet stream) nella fascia inferiore dell’atmosfera; presenza di nebbia e relative caratteristiche; presenza di condizioni per la formazione del ghiaccio. La relazione verterà sul sistema WTPS e sulle sue applicazioni.

13:30 - Nuovi sistemi nel campo dell’aviazione per la prevenzione di fenomeni convettivi globali
Kevin Kronfeld, ingegnere di sistemi principale, Rockwell Collins, USA
La presentazione verterà su alcune delle carenze negli attuali sistemi di prevenzione dei fenomeni convettivi globali nel settore dell’aviazione, e sulle nuove sfide sul campo. Verrà presentato il nuovo prodotto sviluppato da Rockwell Collins per il settore dell’aviazione, e spiegato in che modo migliorerà le procedure decisionali evitando i rischi connessi ai fenomeni convettivi.

14:00 - 14:30 - Traffico/Autostrade

14:00 - Applicazioni meteo intelligenti per utenti stradali, sviluppate dall’Istituto Meteorologico Finlandese (FMI)
Dr Pertti Nurmi, direttore, applicazioni di ricerca meteorologica, Istituto Meteorologico Finlandese, FINLANDIA
Negli ultimi anni, l’Istituto Meteorologico Finlandese è stato attivissimo nel collegare la propria competenza in termini di Ricerca e Sviluppo per la meteorologia stradale con il settore ITS/ICT in continua evoluzione, grazie allo sviluppo di applicazioni intelligenti per la meteorologia stradale dedicate agli utenti della strada. La presentazione fornisce un quadro generale di tali attività portate avanti da numerosi progetti di collaborazione internazionale (ASSIST, WIRMA, Intelligent Arctic Trucks, CyberWI, 5G-Safe). I componenti fondamentali di tali azioni sono l’implementazione di un modello di meteorologia stradale (RWM) creato dall’FMI in nuovi ambienti (per es. Paesi Bassi, Norvegia), e la verifica della possibilità di utilizzo delle osservazioni fornite da veicoli mobili come dati inseribili nel modello RWM. Le fondamentali attività di ricerca e sviluppo dell’FMI comprendono inoltre lo studio di vari protocolli di comunicazione wireless, e il superamento di problemi di cybersicurezza.

14:30 - 16:00 - Eolico

14:30 - Misurazioni meteorologiche nel Mare del Nord per futuri parchi eolici offshore
Hans Verhoef, project manager, ECN Wind Energy, PAESI BASSI
Il governo olandese si è posto target ambiziosi nel campo dell’implementazione di impianti di produzione di energia eolica offshore. Le misurazioni meteorologiche giocano un ruolo fondamentale in tale piano. La presentazione verterà in particolare sul ruolo giocato dalle misurazioni meteorologiche per l’ottenimento del target prefissato. Parleremo non solo delle tradizionali torri meteorologiche, ma anche dei sistemi lidar fissi e dei sistemi lidar galleggianti.

15:00 - Lidar a scansione per la misurazione del vento offshore. Quali livelli di accuratezza?
Dr Mike Anderson, consulente, RES, REGNO UNITO
Il programma di Ricerca e Sviluppo denominato Offshore Wind Accelerator (OWA) ha condotto uno studio di quattro mesi su due dispositivi lidar a scansione, realizzati da Leosphere e Lockheed Martin. Tali dispositivi sono stati installati nella Baia di Dublino e validati tramite due lidar a profilazione verticale per stabilire la loro accuratezza e precisione. I dispositivi sono stati installati per misurare le velocità del vento in un parco eolico offshore all’interno della baia, con oltre 10 km di distanza dai dispositivi nel punto più lontano. I risultati mostrano livelli di accuratezza fenomenali (>13 km), mai rilevati prima d’ora in applicazioni offshore.

15:30 - Confronto di misurazioni della velocità del vento tra sodar doppler di dimensioni piccole e microscopiche e un lidar
Jean-Michel Fage, presidente, Remtech, FRANCIA
Dato che attualmente, per lo sfruttamento dell’energia eolica, servono pale eoliche molto alte, è necessario misurare il vento ben al di sopra delle torri met. Diventa pertanto essenziale ricorrere a soluzioni di telerilevamento del vento. I sodar di Remtech a breve raggio (PA-XS) e a medio raggio (PA0) sono sistemi portatili piccoli e leggeri, in grado di misurare a distanza il profilo verticale della velocità del vento, la direzione, la stratificazione termica e i parametri di turbolenza a differenti altezze. Il consumo di corrente è molto basso (meno di 10 W) e l’hardware è ridotto al minimo, essendo stati progettati innanzitutto per dialogare con applicazioni software. Ciò li rende molto affidabili (oltre 100.000 ore di tempo medio fra i guasti), e non necessitano di manutenzione. Ma ciò che rende tali sistemi assolutamente esclusivi, è il fatto che non necessitano di post-filtraggio dei dati. Tutto questo è possibile grazie alla codifica in multifrequenza, alla variazione adattiva S/N per punto di frequenza, all’esclusiva tecnica di sottrazione del rumore, e alla tecnologia che sfrutta l’angolo apparente di arrivo. Presenteremo i risultati dei confronti incrociati di velocità del vento e direzione del vento, misurati dal nostro Sodar, paragonati con dati ottenuti tramite un Lidar.

*Questo programma è soggetto a modifiche.


Seconda giornata

mercoledì 11 ottobre

10:30 - 13:00 - Misurazione e tecnologia

Moderator
Prof David McLaughlin, professor and associate dean, University of Massachusetts, USA

10:30 - Strumentazioni per micro UAV disponibili sul mercato
Anders Petersson, presidente, Sparv Embedded AB, SVEZIA
Gli UAV paiono garantire misurazioni in loco che precedentemente parevano impossibili, o erano proibitive in termini di costi. La presentazione verterà sulle problematiche che investono il rilevamento basato su UAV e sulle misure adottate per ovviare a tali problemi, che hanno consentito di creare una soluzione ora disponibile sul mercato, denominata Sparv Sensors, flessibile e al tempo stesso facile da utilizzare. In particolare, spiegheremo come abbiamo aiutato l’Università di Uppsala a catturare valori del biossido di carbonio ad alta risoluzione e a metterli in correlazione con dati dettagliati sugli strati di inversione termica. Il sistema è stato utilizzato per calcolare il flusso di biossido di carbonio, con l’obiettivo di mappare il ruolo dei laghi nel ciclo del carbonio.

11:00 - Termometria sonica: riferimenti per misurazioni della temperatura in schermi antiradiazioni aspirati con ventola
Mark Blonquist, capo ricercatore, Apogee Instruments, USA
Gli anemometri sonici possono fungere da termometri sonici, se sono disponibili misurazioni dell’umidità (la velocità del suono nell’aria dipende da temperatura e umidità). Il vantaggio della termometria sonica consiste nell’assenza di un sensore fisico che deve adattarsi all’aria, nella rapidità di risposta e nell’eliminazione del riscaldamento radiante. La temperatura ottenuta tramite termometria sonica è direttamente collegata a principi di fisica fondamentali, perché la velocità del suono in un gas (aria) è direttamente legata alla temperatura termodinamica del gas e può essere utilizzata come riferimento per stabilire l’influenza del riscaldamento radiante su sensori fisici. Per verificare le prestazioni degli schermi antiradiazioni aspirati con ventola è stato utilizzato un termometro sonico.

11:30 - Design of efficient calibration laboratory for meteorological services
Adam Krovina, head of calibration laboratory, MicroStep-MIS, SLOVAKIA
According to the WMO, the measuring instruments of all meteorological services have to be regularly calibrated. There is still much data coming from instruments lacking any calibration and adjustment. Our efforts are to make it easy for a meteorological service to set up and operate a calibration laboratory for a variety of physical quantities common for meteorological measurements. MicroStep-MIS develops its own calibrators for pressure (Pressurewell) and relative humidity (Humiwell). MicroStep-MIS develops software for calibration automation, compatible with third-party sensors and devices. MicroStep-MIS also operates an ISO/IEC 17025-accredited laboratory for calibration of temperature, relative humidity, pressure and rain gauges.

12:00 - Il ruolo dei sensori di rilevamento sostanze chimiche nel monitoraggio atmosferico globale
Dr Peter Edwards, ricercatore senior, Wolfson Atmospheric Chemistry Laboratories, REGNO UNITO
I sensori per il rilevamento di sostanze chimiche, disponibili a costo contenuto, potrebbero avere effetti dirompenti nel campo della misurazione della qualità dell’aria, ponendo potenzialmente un elevato numero di dispositivi nelle mani di una platea sempre più ampia di utenti. I sensori a costo contenuto, con caratteristiche di elevata precisione e accuratezza, sono un settore di ricerca molto attivo, e vi è attualmente un ampio dibattito circa le possibilità di impiego di dati derivati da tali sensori per soddisfare obblighi di legge o per altri scopi gestionali. La presentazione verterà sul ruolo potenziale dei sensori a basso costo nel rilevamento dei cambiamenti climatici globali, facendo il punto sulle recenti valutazioni scientifiche riguardo tali tecnologie e le loro possibili applicazioni pratiche, pubblicate dall’organo scientifico consultivo sui gas reattivi del programma Global Atmosphere Watch (GAW) dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM).

12:30 - The future demands of monitoring technologies
Carsten M Steenberg, CEO, RainWise Inc, USA
The presentation will discuss the future of air quality monitoring CO2, PM2.5. and utilisation of sky cameras for the (visual monitoring) of cloud cover; future communication protocols such as IoT via LoRaWAN; onboard cell modem demands and the challenges associated with power management of wireless weather stations.

13:00 - 15:00 - Segnalazioni di allarme a rilevamento precoce

Moderator
Prof David McLaughlin, professor and associate dean, University of Massachusetts, USA

13:00 - Funzione rTNT (real-time Tracking & Nowcasting of Thunderstorms)
Daniel Betz, CPO, nowcast GmbH, GERMANIA
Nowcast ha sviluppato una nuova funzione per il rilevamento dei fulmini, denominata rTNT (real-time Tracking & Nowcasting of Thunderstorms). Tutti gli eventi che danno origine a fulmini, oltre a essere rilevati in tempo reale vengono anche elaborati all’istante, subito dopo che si verificano. Forme e parametri delle celle temporalesche vengono aggiornati dopo il rilevamento di ogni nuovo fulmine. Tale elaborazione che accompagna in tempo reale l’evolversi dell’evento consente di ottenere tempi di risposta brevissimi e un’elevata precisione di valutazione dell’evolversi dei fenomeni temporaleschi. Le previsioni di grandine, in particolare, consentono tempi di reazione rapidissimi, mai raggiunti prima d’ora, grazie all’impiego di dati tridimensionali sui fulmini forniti da LINET. rTNT consente ai clienti di mitigare i rischi connessi alle tempeste, soprattutto quelle più gravi in grado di causare perdite di vite umane.

13:30 - Analisi climatologica e sistema di preallarme nel bacino del fiume Sirba
Dr Alessandro Pezzoli, professore emerito, DIST - Politecnico di Torino, ITALIA
Negli ultimi decenni, la variabilità delle precipitazioni nella zona del Sahel ha avuto pesanti ripercussioni sull’economia del bacino del fiume Sirba, un bacino transnazionale tra Niger e Burkina Faso. Il bacino costituisce una risorsa idrica di fondamentale importanza per entrambi i paesi. Purtroppo l’aumento del numero delle inondazioni, strettamente legato alla maggiore frequenza con cui si verificano precipitazioni di forte intensità, senza che vi sia incremento dell’entità totale delle precipitazioni, ha causato notevoli problemi di sicurezza alle popolazioni locali. La caratterizzazione climatica del bacino del fiume Sirba è stata realizzata con l’obiettivo di implementare un sistema di preallarme contro le inondazioni.

14:00 - StormTrack: un nuovo sistema di monitoraggio e previsione in tempo reale delle tempeste
Dr Michele de Rosa, ricercatore, GEO-K Srl, ITALIA
StormTrack è un sistema in grado di rilevare, monitorare e creare previsioni istantanee sulle tempeste, analizzando le immagini dei satelliti Meteosat di seconda generazione. Per il monitoraggio delle tempeste non vengono utilizzati dati da stazioni di terra. Il sistema è pre-operativo e copre un’area dal Sud America all’Oceano Indiano, e dal Nord Europa al Sud Africa. La tendenza viene aggiornata ogni 15 minuti sull’intera area coperta dal sistema, e ogni cinque minuti per l’Europa. Lo scopo del sistema è fornire una segnalazione di allarme di livello uno per le tempeste, con l’obiettivo di prevenire i disastri naturali nei paesi sprovvisti di copertura dei dati meteorologici.

14:30 - Value of eye tracking technology for the meteorological industry and beyond
Jörg Hoheisel, UX consultant and area manager, Central Europe, Tobii Pro, SWEDEN
In industries involving visual skills, such as weather forecasting, it is crucial to understand an individual's visual strategy and evaluate it, especially in today’s world where workers have to deal with an increased amount of data while operating complex systems. Eye tracking, as a behavioural research tool, provides objective and unbiased insight into an individual’s cognitive workload, revealing how people engage with information: what they focus on, the frequency of their gaze and what type of information is most important to them. These insights can help to design more efficient systems and interfaces for the most accurate information processing.

15:00 - 17:00 - Radar

Moderator
Prof David McLaughlin, professor and associate dean, University of Massachusetts, USA

15:00 - Technology update on low-cost X-band weather radars
Prof David McLaughlin, professor and associate dean, University of Massachusetts, USA
The CASA project in the USA advanced the concept of dense networks of small, low-cost X-band weather radars as a means to fill in low-altitude surveillance coverage gaps in today's C- and S-band weather radar networks. Much theory has been developed and prototype X-band networks are operating in numerous places around the globe. But full-scale adoption of this concept requires many hundreds or even thousands of radars. This paper will survey the present state of commercial X-band radar offerings with an emphasis on phased-array technology. This will be an update of the author's 2014 presentation in Brussels.

15:30 - Inserimento di sensori lidar multifunzione in reti di osservazione meteorologica esistenti
Dr Ludovic Thobois, responsabile aviazione, scienze meteorologiche e applicazioni, Leosphere, FRANCIA
Le reti di osservazione meteorologica esistenti si stanno evolvendo sempre di più in reti sinottiche dotate di stazioni sinottiche, satelliti e ora anche sensori per telerilevamento. La comparsa di nuovi sensori come i sensori lidar doppler ad acquisizione coerente di dati, basati sulla tecnologia a fibre ottiche, impone un ripensamento dell’architettura delle reti esistenti. Nel corso della relazione verrà presentato uno studio che elenca le opportunità offerte da tali sensori e le difficoltà da superare per inserirli nelle reti esistenti. Verrà inoltre presentata una serie di test e progetti pionieristici, relativi ai più recenti prodotti autorizzati e ai metodi per combinarli con altri sensori.

16:00 - Lidar: nuove tecnologie per creare nuovi dati
George Georgousis, Amministratore delegato, Raymetrics SA, GRECIA
Gli operatori del settore della meteorologia che conoscono i lidar, pensano immediatamente ai lidar doppler per la misurazione del vento. I lidar comprendono però un’ampia gamma di tecnologie, che misurano i dati dell’atmosfera in vari modi. Vi sono lidar a retroriflessione, lidar Raman e a depolarizzazione, lidar ad assorbimento differenziale (DIAL), sistemi a fluorescenza indotta da lidar (LIF) e altri ancora. Le tecnologie sono tutte appena state lanciate sul mercato. La presentazione verterà sulla tecnologia stessa dei lidar, e ne verranno esaminate le potenzialità e i limiti. Esamineremo le tecnologie più innovative a disposizione per l’identificazione di particelle (per es. per il rilevamento delle polveri vulcaniche), il monitoraggio dell’inquinamento, la misurazione 3D dell’altezza dei fronti nuvolosi in arrivo, il rilevamento della nebbia e la misurazione della visibilità a distanza. Discuteremo inoltre dello sviluppo di futuri prodotti.

16:30 - Reti di radar meteorologici: come bilanciare efficienza ed efficacia
André Weipert, responsabile sistemi informatici per applicazioni meteorologiche, Selex ES GmbH, GERMANIA
La domanda di reti di radar meteorologici è in costante crescita in tutto il mondo. Il perfetto funzionamento di radar meteorologici differenti integrati in un ambiente di rete centralizzato o decentralizzato pone grosse sfide sotto molteplici aspetti. Uno dei problemi principali consiste nelle differenze tra un radar e un altro, per esempio a livello di anno di produzione, fornitore, standard tecnologici, ampiezza di banda (X,C,S), sorveglianza durante il funzionamento, integrazione in sistemi precedenti, elaborazione e assimilazione dei dati meteorologici, standard e interfacce di dati, nonché consolidamento e accuratezza dei dati. La presentazione esamina un approccio multilivello per stabilire, con misure progressive, una strategia coerente e sostenibile che consenta ai servizi meteorologici o alle autorità nazionali responsabili dell’aviazione civile di risolvere tali problematiche.

*Questo programma è soggetto a modifiche.


Seconda giornata

mercoledì 11 ottobre

11:00 - 12:00 - Settore marittimo

Moderator
Dr Robert Weller, scienziato ricercatore senior, Woods Hole Oceanographic Institution, USA

11:00 - Osservazioni meteorologiche di superficie e dei flussi aria-mare da boe di superficie
Dr Robert Weller, scienziato ricercatore senior, Woods Hole Oceanographic Institution, USA
I dati delle osservazioni meteorologiche di superficie per il monitoraggio del clima e le osservazioni dei flussi aria-mare vengono raccolti in tre stazioni diverse in mare aperto. Tali stazioni sono state create nel 2000, nel 2001 e nel 2004, e gli ormeggi di superficie vengono recuperati e sostituiti una volta all’anno. Nella presentazione vengono descritti i sensori e gli strumenti a basso consumo utilizzati, nonché le calibrazioni di laboratorio e di campo utilizzate per quantificare il grado di accuratezza raggiunto da queste boe di superficie. I dati, conservati da GTS, forniscono una base indipendente per esaminare le performance di modelli e metodi di telerilevamento nella rappresentazione di osservazioni meteorologiche di superficie in mare aperto e dei flussi aria-mare.

11:30 - Previsioni meteorologiche in ambito marittimo: navigazione, meteorologia e personalità del meteorologo
Gianfranco Meggiorin, presidente, Navimeteo, ITALIA
La presentazione verterà sui seguenti temi: servizi meteorologici in ambito marittimo per l’ottimizzazione delle rotte e la sicurezza in mare; le principali fonti, le soluzioni software e il valore aggiunto dell’interfaccia umana; l’importanza della personalità del meteorologo in ogni singola previsione; osservazioni a bordo di navi; strumenti di segnalazione di emergenza avanzati e allerta meteo in tempo reale nei settori delle navi e delle imbarcazioni da diporto.

12:00 - 14:30 - Aviazione

Moderator
Dr Robert Weller, scienziato ricercatore senior, Woods Hole Oceanographic Institution, USA

12:00 - EMADDC: verso una raccolta operativa di osservazioni EHS in modalità S in Europa
Jan Sondij, consulente senior meteorologia per l’aviazione, KNMI, PAESI BASSI
La presentazione verterà sullo stato dell’arte e sui più recenti sviluppi del progetto denominato EMADDC (European Meteorological Aircraft Derived Data Center), nell’ambito dell’implementazione del programma SESAR. Le nuove tecnologie di sorveglianza e controllo del traffico aereo, come il Modo S e ADS-B, offrono grandi potenzialità di ottenere o ricavare osservazioni sulla direzione del vento, la velocità del vento e la temperatura, con livelli di accuratezza e portata mai raggiunti in precedenza nella regione europea. L’obiettivo del progetto è di installare un servizio per la raccolta, l’elaborazione e la divulgazione di dati meteorologici MRAR ADD / EHS in Modo S per il settore della meteorologia e dell’aviazione. L’assistenza nella raccolta e nella codifica di informazioni in Modo S non processate è parte integrante di questo progetto, portato avanti dall’Istituto Meteorologico Reale Olandese (KNMI) e dal Servizio Meteorologico Nazionale del Regno Unito (UKMO).

12:30 - Verso un approccio olistico e integrato per i sistemi di preallarme
Dr Roelof Bruintjes, capo ricercatore, Advanced Radar Company, USA
I sistemi osservazionali nel campo della meteorologia e dell’idrologia sono spesso gestiti e interpretati ciascuno in maniera autonoma e indipendente. Al fine di migliorare i prodotti forniti e di sviluppare prodotti ottimali e accurati per i sistemi di preallarme, è però importante che tali sistemi e dati siano integrati. Gli allarmi inoltre devono essere tarati su misura, secondo le esigenze degli utilizzatori. Nel corso della presentazione saranno esaminati e discussi esempi concreti nel campo dell’aviazione e dell’idrologia.

13:00 - Analisi degli effetti dei venti e della contaminazione della pista sulle uscite di pista
Frédéric Barbaresco, esperto capo, Thales Air Systems, FRANCIA
In questa presentazione si analizzeranno i primi risultati del progetto P3 “Solutions for runway excursions”, nell’ambito del programma europeo Future Sky Safety (FSS). Gli obiettivi principali sono: identificare eventuali carenze e migliorare i metodi e i modelli per analizzare il controllo da terra degli aeromobili in condizioni di vento laterale e/o piste scivolose; approfondire l’impatto di piste coperte di acqua/fango sulle prestazioni di frenata per moderni pneumatici e sistemi anti-pattinamento; studiare e sviluppare algoritmi per identificare il rischio di sconfinamento laterale (veer-off) utilizzando i dati di volo operativi; esplorare nuovi concetti per la prevenzione o la mitigazione del rischio di uscita di pista.

13:30 - Innovating meteorological solution for aviation: MFI presents the SAAPI project
Jean Sébastien Cases, VP, sales and marketing, Meteo France International - MFI, FRANCE
Improve air safety in Africa: this is the challenge MFI has taken up in collaboration with the ASECNA by developing an exclusive meteorological solution dedicated to aviation issues. Meant to be implemented in 17 African countries, the SAAPI solution relies on a 100% web-based architecture for easy access to data and simplified implementation or maintenance on a national and transnational level. SYNERGIE-WEB, MFI’s leading forecasting system, is the cornerstone of the SAAPI solution providing unique visualization capabilities and efficient decision-making tools."

14:00 - Weather for space launch systems
Tim Bush, sales manager, OTT Hydromet – MeteoStar, a Division of Sutron Corporation, USA
Weather plays an important role in the decision process to launch large space rockets. Weather criteria are involved with the safety of the launch vehicle itself, the possible local effects of an accident with the launch vehicle (blast and toxics) and the down-range weather for recovery. MeteoStar LEADS provides an integrated approach of ingesting the relevant weather data then running sets of algorithms against the vehicle requirements and weather parameters. The solution is network centric and provides web-based situation awareness, in real time, to all involved in the launch and tracking process.

14:30 - 16:00 - Agricoltura/Ambiente

Moderator
Dr Robert Weller, scienziato ricercatore senior, Woods Hole Oceanographic Institution, USA

14:30 - Derivati meteorologici per mitigare l’esposizione al rischio di fattori climatici avversi
Rebecca Leonardi, socio, Wx Risk Global, USA
Vi è ancora riluttanza nell’utilizzare gli strumenti di gestione del rischio di calamità naturale per contrastare le perdite causate da fattori climatici avversi e per risarcire i danni nei paesi in via di sviluppo. Il collegamento tra strumenti finanziari emergenti e la soluzione ai problemi creati da calamità naturali dovute a fattori climatici è evidente. E sono molteplici le opportunità di gestione e condivisione globale del rischio. Le calamità naturali, oltre a provocare la perdita di vite umane, causano gravi problemi economici nei paesi in via di sviluppo. I derivati meteorologici possono fornire uno scudo finanziario nel momento critico in cui si verificano eventi climatici avversi, prima dell’insorgere di carestie e della completa devastazione delle colture.

15:00 - Spettrometro Cavity Ring Down per misurazioni in tempo reale, ad alta precisione, dell’ammoniaca gassosa
Renato Winkler, specialista in applicazioni, Picarro, PAESI BASSI
Le emissioni di ammoniaca da attività agricole e industriali sono un argomento sempre più importante per scienziati e autorità di regolamentazione, per via dei gravi impatti dell’ammoniaca sulla salute umana e sull’ambiente. L’ammoniaca gassosa è nota come gas precursore del particolato fine, PM 2,5 e 10. La presentazione verte sull’analizzatore di NH3 G2103 Picarro di ultima generazione, e su come è stato utilizzato per misurare accuratamente le emissioni di NH3. L’analizzatore ha un range di funzionamento molto ampio, dalle parti per miliardo fino a 50 parti per milione, e consente un’ampia gamma di applicazioni di monitoraggio atmosferico basate su misurazioni eseguite direttamente sul campo.

15:30 - Effetto di “undercatch” indotto dal vento nelle misurazioni delle precipitazioni in applicazioni idrologiche
Mark Dutton, Managing Director, Environmental Measurements Limited, UK
Michael Pollock, Membro KTP Newcastle University, Environmental Measurements Limited, REGNO UNITO
Le misurazioni delle precipitazioni sono attualmente esposte a errori sostanziali dovuti al vento. Quando il vento raggiunge il bordo del pluviometro, tende naturalmente ad accelerare; il vento rimuove pertanto una quota (anche del 20%) delle precipitazioni, che diversamente sarebbe stata rilevata dal dispositivo. Le precipitazioni sono una componente cruciale del ciclo idrologico. Se vengono misurate in maniera inaccurata, le previsioni su acque di superficie, ravvenamento della falda freatica, crescita delle colture e inquinamento, e gli allarmi sulle inondazioni non sono perfettamente attendibili. L’EML ha sviluppato nella regione del Sud Est Asiatico, in collaborazione con NextSense e MMI, un nuovo sistema idrologico automatizzato per ridurre tali errori.

16:00 - 17:00 - Panel Discussion-WMO/WB/HMEI
This panel will focus on the growing partnership between the public/private sectors and the World Bank, project funding and future plans.

*Questo programma è soggetto a modifiche.


Terza giornata

giovedì 12 ottobre

10:30 - 12:30 - Radar

Moderator
Dr Alessandro Pezzoli, professore emerito, DIST - Politecnico di Torino, ITALIA

10:30 - Monitoraggio termodinamico e del vento per previsioni meteo locali accurate
Dr Randolph Ware, capo ricercatore, Radiometrics, USA
La necessità di eseguire sondaggi termodinamici (temperatura e umidità) e sul vento quasi continui, al fine di ottenere previsioni meteo locali accurate e a elevato impatto, è ampiamente riconosciuta. I sistemi di profilazione radiometrica (RDX) per sondaggi termodinamici e del vento soddisfano tale requisito. Altre tipologie di sistemi di profilazione RDX comprendono i profilatori del vento con lidar doppler e i profilatori acustici (sodar), nonché i lidar per aerosol a polarizzazione incrociata. Le applicazioni comprendono: operazioni aeroportuali e lanci aerospaziali, qualità dell’aria, previsioni per energia solare ed eolica, dati meteo per la prevenzione degli incendi, valutazione del rischio di tempeste, previsioni sul carico elettrico, previsioni sulla formazione di nebbia, valutazioni del rischio di formazione di ghiaccio. Nella presentazione saranno mostrati esempi di profilazione integrata nel contesto di tali applicazioni.

11:00 - Verranno inoltre presentati i risultati legati all’installazione del radar meteo FURUNO WR-2100 a Hvidovre, Danimarca.
Niels Einar Jensen, manager, Furuno Denmark AS, DENMARK
Peter Rasch, amministratore delegato e socio, Informetic AS
Nel corso della presentazione saranno esaminate le esperienze di impiego di un radar meteorologico in banda X Doppler, 3D, a doppia polarità, di misuratori di flusso e precipitazioni, e di un disdrometro, raffrontate con dati ottenuti tramite radar in banda C per raccolta di dati in contesti urbani.

11:30 - Nuova stima delle precipitazioni con radar polarimetrico per lo studio delle nubi
Dr Alexander Myagkov, scienziato ricercatore, Radiometer Physics GmbH, GERMANIA
I radar polarimetrici a scansione per lo studio delle nubi sono sempre più diffusi, e ciò consente di garantire stime potenzialmente sempre più accurate dell’intensità delle precipitazioni. Grazie alla tecnologia doppler, tali radar sono in grado di rilevare particelle di pioggia con pochi cm/sec di differenza nella velocità terminale di caduta. Le firme polarimetriche misurate caratterizzano le forme delle gocce di pioggia, che sono linearmente in relazione con le loro dimensioni. L’analisi combinata di informazioni con tecnologia doppler e polarimetriche, fornite da un radar polarimetrico a scansione per lo studio delle nubi, consente di stimare la distribuzione delle dimensioni delle gocce e l’intensità delle precipitazioni. La relazione verterà su tale approccio, e saranno fornite osservazioni condotte con un nuovo radar in banda W recentemente sviluppato per lo studio delle nubi.

12:00 - Radar meteorologici a valore aggiunto per supporto decisionale
Bob Dreisewerd, direttore area sviluppo, Baron Services Inc, USA
La proliferazione dei radar meteorologici a polarizzazione doppia durante l’ultimo decennio ha consentito notevoli miglioramenti nel rilevamento degli eventi meteo. Baron Services, leader globale nella fornitura di dati meteo di cruciale importanza, ha concentrato i propri sforzi sul miglioramento della qualità dei dati radar e sulla creazione di prodotti radar altamente accurati, in grado di fare la differenza. Baron Services ha sviluppato e implementato prodotti radar per applicazioni meteo brevettati, innovativi e a elevato valore aggiunto, che vanno ben oltre i prodotti solitamente forniti dalle consuete soluzioni radar per applicazioni meteo. La presentazione fornisce dettagli su alcune delle innovazioni più recenti a livello di prodotto, e fornisce dimostrazioni sull’accuratezza e sul valore aggiunto dei prodotti.

12:30 - 13:00 - Tema principale

Moderator
Dr Alessandro Pezzoli, professore emerito, DIST - Politecnico di Torino, ITALIA

12:30 - Problemi, preoccupazioni, opportunità e sfide nelle stazioni di ricerca in Antartide
Dr Ravindranath Nayak, Responsabile, divisione strumentazione marittima, Istituto Nazionale di Oceanografia, INDIA
Le questioni riguardanti la manutenzione e il potenziamento delle stazioni di ricerca in Antartide presidiate da personale, sono oggetto di ampio dibattito. L’adozione di moderne infrastrutture e tecnologie robotizzate per la raccolta di dati e campioni, nonché l’impiego di microveicoli pneumatici per la raccolta di campioni in ambienti ostili, sono solo alcuni degli scenari e delle concrete possibilità oggetto di valutazione. Tali sistemi costituiranno sicuramente le strumentazioni di prossima generazione impiegate nella logistica della ricerca in Antartide, dopo che saranno resi conformi agli standard IEEE e ad altri standard globali.

13:00 - 15:00 - Measurement and Technology

Moderator
Dr Alessandro Pezzoli, professore emerito, DIST - Politecnico di Torino, ITALIA

13:00 - Misurazioni dell’irraggiamento in meno di un secondo con un piranometro standard secondario a risposta rapida
Dr Mario Po, ricercatore, EKO Instruments, PAESI BASSI
La relazione verterà sulla valutazione di un sensore di irraggiamento globale standard secondario ISO 9060, recentemente sviluppato appositamente per applicazioni di fascia alta. Il sensore consente misurazioni con un tempo di risposta inferiore a 1 secondo, con livello di affidabilità >98%. La convalida delle misurazioni del sensore avviene confrontando le sue misurazioni con i valori forniti da piranometri standard secondario tradizionali, e con sensori più rapidi basati su fotodiodi. Il nuovo sensore è in grado di misurare accuratamente variazioni di irraggiamento con tempi di risposta inferiori a 1 s. Per esempio, è in grado di misurare eventi di sovra-irraggiamento che i rilevatori a termopila tradizionali, più lenti, tendono a normalizzare.

13:30 - Sistemi supplementari di monitoraggio della qualità dell’aria
Hannamari Jaakkola, responsabile sviluppo commerciale, Vaisala Oyj, FINLANDIA
La qualità dell’aria influenza la qualità della vita, ma le attuali reti di monitoraggio non forniscono sufficienti informazioni sulle condizioni locali. Nelle reti attuali di monitoraggio della qualità dell’aria, obbligatorie per legge, le misurazioni vengono eseguite con stazioni fisse usando metodi di riferimento standard. Gli analizzatori che usano tali metodi sono ben consolidati e accurati, ma costosi da acquistare, da far funzionare e da sottoporre a manutenzione, pertanto la quantità e la densità spaziale di tali stazioni sono relativamente basse. Le stazioni sono di solito distanziate di numerosi chilometri, persino nelle grandi città. I sistemi supplementari di monitoraggio della qualità dell’aria costituiscono una nuova soluzione, disponibile a costi contenuti, per monitorare la qualità dell’aria in ambiente, fornendo informazioni in tempo reale sulla qualità dell’aria presente sul posto.

14:00 - ALERT2: US/AU open standard RF protocol for excellent hydromet data
Ilse Gayl, chairman, OneRain Inc, USA
For 40 years, many flood managers have relied on monitoring networks using ALERT, an inexpensive radio protocol. Real-time rainfall, water levels and other parameters in an open standard created a healthy supplier market. Today’s requirements for efficient bandwidth use, complete error-free data, and more monitoring sites led to a new protocol: ALERT2, trademarked by the non-profit USA-based National Hydrologic Warning Council. Used by leading US flood management agencies, it is starting in Australia and is supported by at least 11 vendors. Current enhancements include two-way and control functions, encryption and hybrid media network support (e.g. ALERT2 over IP).

14:30 - From sunrise to sunset: an improved sunshine duration measurement
Dr Niek-Jan Bink, Director/co-owner, M&Air BV, NETHERLANDS
Currently the WMO defines sunshine as when direct irradiance exceeds a threshold of 120W/m2. When using this definition, it is not possible to easily determine sunshine during sunrise and sunset. We propose a method consisting of two elements: measuring illuminance instead of irradiance and a unique airmass-based threshold. Preliminary results show improved sunshine detection at low solar elevation angles as well as improved accuracy with relation to pyranometric-based methods.

*Questo programma è soggetto a modifiche.


Terza giornata

giovedì 12 ottobre

11:00 - 11:30 - Esigenze dei Paesi in via di sviluppo

11:00 - Monitoraggio ambientale integrato nei DC con una nuova soluzione open hardware
Dr Adriano Fedi, ingegnere principale, Acrotec Foundation, ITALIA
La presentazione verte sull’applicazione di una nuova soluzione open hardware nell’area dei Caraibi e in Bolivia. ACRONET Paradigm copre ogni aspetto relativo ai sistemi di monitoraggio ambientale, dalla progettazione alla visualizzazione dei dati. Alcune attività sono normalmente a cura degli utenti finali: lavori di installazione e di manutenzione, per esempio, vengono eseguiti da persone in loco. I dati sono completamente accessibili, così come lo sono gli schemi, le distinte dei materiali e i firmware. Ciò consente a chiunque, dotato di adeguate competenze, di curare tutto in piena autonomia. Tali caratteristiche rendono la soluzione ACRONET Paradigm particolarmente adatta per l’integrazione nei DC.

11:30 - 13:30 - Agricoltura/Ambiente

11:30 - Le previsioni meteo come strumento per migliorare la gestione delle aziende agricole
Russell Heilig, Vicepresidente responsabile sviluppo, Davis Instruments, USA
Il continuo sviluppo di apparecchiature di monitoraggio robuste, disponibili a prezzo contenuto, sta fornendo un notevole supporto a imprenditori agricoli e responsabili di produzione che possono adottare decisioni operative più informate. La combinazione di sensori locali e telemetria affidabile ha reso molto più efficienti i processi di gestione delle irrigazioni, dei rischi del gelo, e delle colture, consentendo ai responsabili di valutare meglio i rischi, e di impiegare di conseguenza in maniera più ottimale le risorse a disposizione. La presentazione esaminerà esempi di come questi nuovi dati sono stati assemblati, elaborati e presentati ai responsabili decisionali, per ottimizzare le decisioni operative sul campo.

12:00 - Incorporazione di sistemi di misurazione del vento in dispositivi portatili per previsioni meteo numeriche
Kasper Hintz, studente PhD processi industriali, Vaavud, DANIMARCA
La diffusione dei sensori per smartphone, inclusi gli anemometri disponibili a costo contenuto, è sempre più ampia. L’incorporazione di dati forniti da tali sensori in previsioni meteo numeriche, e la condivisione di questi stessi dati, possono potenzialmente migliorare i processi decisionali in numerosi settori, per esempio in agricoltura, in edilizia, o nelle attività ricreative, come barca a vela, droni, eccetera. Tali dati possono essere utilizzati per finalità di post-elaborazione, per stimare le caratteristiche delle superfici, come la ruvidezza, la lunghezza, ecc., e potenzialmente nell’assimilazione di dati. Lo sfruttamento di tutte queste potenzialità ovviamente richiede una validazione completa dei dati, un lavoro reso più agevole dall’apprendimento automatico.

12:30 - Previsioni meteo stagionali e telerilevamento applicati alle colture irrigue
Vittorio Marletto, agrometeorologo, Arpae, ITALIA
I servizi climatici sono cruciali per aiutare l’agricoltura ad adattarsi ai cambiamenti climatici. Un progetto europeo (www.moses-project.eu) sta fornendo e testando una nuova gamma di servizi per le colture irrigue, basati su previsioni meteo stagionali e settimanali, telerilevamento via satellite e modellazione di suoli e colture. I servizi comprendono mappatura delle colture, previsioni sulla necessità di irrigazione delle colture, fabbisogno irriguo, e altre variabili pertinenti. Tra gli utenti dei nuovi servizi figurano i consorzi di irrigazione e di bonifica, ma anche singole aziende agricole. Sono in corso test in quattro aree dimostrative: Italia, Spagna, Romania e Marocco.

13:00 - Valutazione del rischio meteorologico: 30 anni di storia e mappatura meteo in tempo reale
Karl G Gutbrod, Amministratore delegato, Meteoblue AG, SVIZZERA
I dati meteo storici sono importanti per stimare la resa della colture, per eseguire l’analisi del rischio e per condurre valutazioni sul posto. Tali dati inoltre possono fungere da utile strumento di previsione, se raffrontati con i dati raccolti in stagioni precedenti. Per eseguire previsioni a breve termine, ogni applicazione richiede mappe meteo concepite su misura, che possano essere configurate all’istante. Per progettare con settimane di anticipo, le previsioni meteo acquisiscono una fondamentale importanza, in quanto consentono di valutare i rischi a breve termine. Con mappe meteo interattive, i pattern spaziali si possono analizzare dalla scala globale a quella locale. Visualizzando le osservazioni correnti, è possibile combinare tra loro i dati dei satelliti, le previsioni meteo, i dati sull’inquinamento dell’aria e i dati sugli oceani, fornendo in tempo reale risposte a specifiche esigenze degli utenti.

13:30 - 14:00 - Settore militare

13:30 - Fornitura di dati meteo tramite tecnologia mobile
Jos Leten, tenente colonnello, Areonautica Militare Belga, BELGIO
In diverse zone di conflitto o aree colpite da calamità naturali, le forze militari o di intervento sul posto necessitano di dati meteorologici e informazioni oceanografiche accurati, tarati su misura per le loro esigenze. Per adempiere a tale missione serve personale altamente specializzato e apparecchiature allo stato dell’arte. La collaborazione internazionale è imprescindibile per poter superare tutte le sfide sul campo. La presentazione fornirà informazioni su come gestire situazioni impreviste.

14:00 - 15:00 - Tavola rotonda: collaborazioni pubblico/privato e Global Weather Enterprise
La tavola rotonda verterà sulle crescenti opportunità di partnership tra pubblico e privato, sui piani di crescita e miglioramento del coinvolgimento attivo, il tutto con l’obiettivo di creare un’azienda all’insegna della massima qualità, in grado di garantire la comparabilità dei dati in tutto il mondo.

*Questo programma è soggetto a modifiche.

PROGRAMMA DI CONFERENZA DISPONIBILE
ADESSO!

ORARIO DI APERTURA
Mart. 10 October 10.00 - 16.00

HMEI riunione annuale dalle 16:00. Benvenuto. HMEI bevande partito da 17: 30hrs

Merc. 11 October 10.00 - 19.00 *
Giov. 12 October 10.00 - 16.00

* cocktail party gratuito dalle: 17.30 alle 19.00

PRENOTATE IL VOSTRO
SPAZIO ESPOSITIVO PER
IL 2017 Cliccate qui...
Guarda le interviste espositori spettacolo!
 

Date delle fiere future:

Meteorological Technology World Expo 2018
Date: 09-11 Ottobre 2018
Località: Sala 8, RAI, Amsterdam

 
PlaneFAAM